Melatonina per problemi di jet lag
Rimedi Naturali

Melatonina per problemi di jet lag

Melatonina, disturbi del sonno, insonnia e jet lag1. Cosa è e quando prenderla?

Sai cosa è la Melatonina? Cosa serve la Melatonina per problemi di jet lag?

Non è stato ancora raggiunto un accordo unanime sull’utilità di assumere dosi integrative di melatonina per aiutare chi soffre di jet lag a ristabilire i propri ritmi circadiani.

Alcune persone sostengono che la Melatonina sia efficace mentre altre affermano che li rende depresse.

Cosa è la Melatonina e può aiutare l’insonnia?

La Melatonina è un ormone naturale, prodotto di notte dal nostro corpo ed in particolare dalla ghiandola pineale. Viene attivata dall’oscurità, aumenta durante la notte, per poi diminuire con l’avvicinarsi del mattino e con l’aumento della luce.

Si ritiene che sia in qualche modo collegata con i processi del sistema immunitario, ma una delle sue funzioni principali consiste nell’impostare l’orologio biologico che governa i nostri cicli o ritmi circadiani.

Ovviamente i lunghi viaggi in aereo possono disturbare l’esposizione al buio/luce e, di conseguenza gli schemi di sonno.

Una piccola dose di melatonina assunta poco prima di andare a letto può essere utile per ristabilire il ciclo sonno-sveglia.

Dopo i 45 anni, la ghiandola pineale comincia fisiologicamente e normalmente a rallentare la propria attività.

Questa diminuzione dell’attività della ghiandola pineale (ed il conseguente diminuzione di produzione di melatonina) che fisiologicamente si verifica con l’aumentare dell’età è uno dei fattori che spiega l’aumento dell’insonnia negli anziani, l’insorgere dei disturbi tipici della menopausa e dell’andropausa, nonché l’invecchiamento (è stato ipotizzato che l’organismo interpreti il calo dei livelli di melatonina come l’ordine che è giunto il momento di invecchiare ed è per questo che la melatonina viene utilizzata per prevenire i danni dell’invecchiamento)

Chi ha scoperto la Melatonina?

E’ stato Richard Wurtmann nel 1982 a scoprire che a bassi dosaggi (2-4 milligrammi al giorno prima di coricarsi) la melatonina poteva indurre il sonno in modo naturale nelle persone che soffrivano di insonnia.

Tali persone che usarono per prime la melatonina per dormire sostenevano che dopo alcuni giorni essa induceva un sonno più ristoratore di quello che si ottiene con i sonniferi che provocano molti effetti collaterali.

Ciò perchè la melatonina non altera la struttura (fasi REM) del sonno, ma anzi la regola in modo naturale.

La melatonina (a bassi dosaggi) è un rimedio naturale contro l’insonnia che ripristina e regolarizza la struttura del sonno e quindi non interferisce con la memoria, con il rendimento del giorno successivo e non provoca effetti di stanchezza residua che si invece si osservano con la maggior parte degli ipnotici e ansiolitici a base di benzodiazepine.

Bibliografia

  1. Low TL, Choo FN, Tan SM. The efficacy of melatonin and melatonin agonists in insomnia – An umbrella review. J Psychiatr Res. 2020 Feb;121:10-23. doi: 10.1016/j.jpsychires.2019.10.022. Epub 2019 Nov 2. PMID: 31715492.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *